Loading

Impara quando puoi e segui la Verità

Buon anno a tutti!

Questa mattina mi sono svegliato con un sogno in testa. Ben nitido.

Nel sogno mi ritrovavo in una sorta di scuola, ma non era una scuola per bambini. Era una scuola per adulti.

Nonostante l’età tutti gli studenti si comportavano in maniera infantile. Si disturbavano a vicenda, si distraevano, “mentivano”  continuamente.

Anch’io inizialmente seguivo queste stesse dinamiche.

Era come se fossi costretto a stare lì, passivamente. Pensavo di essere più furbo nel prendere in giro i professori.

Ma ad un certo punto qualcosa è cambiato. La mia coscienza.

Ho capito che io come gli altri studenti stavamo solo prendendo in giro noi stessi.  

Ricordo in particolare 2 insegnanti presenti nel sogno: 1 noto politico (attuale) e 1 mio vecchio professore (reale).

Cosa ho capito in questo nuovo stato di coscienza?

Ho realizzato che avrei potuto trarre grosso beneficio da quella situazione e che stavo sprecando un’opportunità.

-Il politico poteva insegnarmi i trucchi del mestiere. Poteva farmi capire i meccanismi della politica e gli intrecci di potere. Se lo avessi ascoltato ed interrogato avrei potuto imparare moltissimo.

-Il mio vecchio prof ci ha aperto gli occhi. Nel sogno ha iniziato ad interrogarci sulle nostre vite e tutti quanti in un modo o nell’altro hanno detto il falso.

Ed è su questo passaggio nel sogno che ho realizzato quanto fosse beffarda la menzogna. In ogni caso la bugia si rivolta sempre contro chi la pronuncia.

Pensare di beffare il professore non aveva alcuna utilità se non quella di prendersi in giro da soli ed allontanarsi dalla Verità.

Mentire “fuori” (ad altri) era come mentire “dentro” (a sé stessi).

Mi sono svegliato con la sensazione di aver ricevuto un messaggio dal subconscio che ha confermato le mie convinzioni.

E  dunque perché non condividerlo? Potreste pure trovarlo interessante 😉

Una caro saluto & follow the Truth

Nel 2018… “Siate gentili con le persone che incontrate salendo, perché tornerete a incontrarle scendendo” (W. Mizner)

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

image title here